Cadillac 62 Convertible Coupe 1941

La prima serie del modello, che possedeva una carrozzeria prodotta da Fisher, rimpiazzò la Serie 61 nella parte più bassa della gamma offerta dalla Cadillac. La Serie 62, assemblata sul pianale C della General Motors (il marchio Cadillac apparteneva infatti al gruppo General Motors), possedeva uno stile che ricordava le torpedo di qualche anno prima. Il modello possedeva dei finestrini con un’intelaiatura cromata, più inclinata nel parabrezza, ed un lunotto incurvato. Il nuovo pianale C, che la Serie 62 condivideva (nel 1940) con la Buick Roadmaster, la Buick Super, la Oldsmobile Serie 90 e la Pontiac Torpedo, aveva spazio maggiorato di 5 pollici (quasi 13 cm) per le spalle e le anche, ed era privo di predellini, mentre il corpo vettura era più sinuoso e ribassato di circa 2-3 pollici (tra i 5 ed i 7,6 cm). Quando erano combinati con la leva del cambio montata sul piantone dello sterzo, le vetture potevano offrire un ottimo comfort per sei passeggeri. Queste caratteristiche erano state influenzate dalle Cadillac Sixty Special. Ciò che però distingueva le Cadillac con motore V8 era ancora una volta la calandra. Sebbene le calandre del 1940 avessero la stessa forma di quelle del 1939, le loro barre erano più massicce ed erano presenti in numero maggiore. I predellini erano degli optional che potevano essere montati senza extra costo. Questa generazione di Serie 62 era disponibile in versione coupé, berlina, cabriolet due o quattro porte. Queste ultime sono state disponibili da metà anno. Gli esemplari venduti il primo anno di commercializzazione furono 5.903 unità, i quali rappresentarono il 45% delle vendite della Cadillac.