La nascita della Ferrari viene talora fatta coincidere con la fondazione, nel 1929 a Modena, della S.A. Scuderia Ferrari, ma la Scuderia non produceva proprie automobili, era soltanto la responsabile della messa a punto di quelle dell'Alfa Romeo, che allora partecipavano a diverse competizioni. La casa costruttrice nacque ufficialmente il 13 settembre 1939 a Modena, con la fondazione da parte di Enzo Ferrari della Auto Avio Costruzioni. Le sue prime commissioni furono la costruzione di componenti per velivoli e solo a partire dal 1947 la costruzione di autovetture divenne l'attività principale. La prima autovettura costruita, in soli due esemplari, fu la Auto Avio Costruzioni 815 datata 1940, mentre la seconda, sempre in soli due esemplari, fu la Ferrari 125 S, a causa della seconda guerra mondiale solo nel 1947, e fu guidata da Franco Cortese, primo pilota e collaudatore Ferrari. Quest'ultima vettura è la prima a portare il nome Ferrari, non però per volontà di Enzo Ferrari ma per clausole contrattuali che lo legavano all'Alfa Romeo dove precedentemente era stato direttore del reparto Alfa Corse: clausole che gli impedivano fino al 1942 di utilizzare il proprio nome sulle autovetture da lui allestite. Ferrari S.p.A. è una casa automobilistica italiana, fondata da Enzo Ferrari, che produce autovetture sportive d'alta fascia e da gara; essa gestisce, tra l'altro, una delle più titolate squadre sportive impegnate nelle competizioni automobilistiche del mondo, la Scuderia Ferrari. La sede dell'azienda è situata a Maranello in provincia di Modena.

A partire dal 1997, lo stabilimento Ferrari ha intrapreso una profonda opera di ammodernamento per rendere i suoi luoghi di lavoro moderni e accoglienti. È nata così la Cittadella Ferrari, che porta firme di prestigiosi architetti: Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Luigi Sturchio. Tutti gli edifici si snodano intorno al viale Enzo Ferrari, che percorre l’intera cittadella e su cui convergono le varie vie intitolate ai grandi piloti Ferrari.

Tutti I modelli stradali della Ferrari.

Anno Modello Produzione Esemplari
1948 166 Inter dal 1948 al 1950 37
1951 195 Inter dal 1950 al 1951 27
1951 212 Inter dal 1951 al 1953 82
1952 342 America dal 1951 al 1953 06
1953 250 Europa dal 1953 al 1964 22
1953 375 America dal 1953 al 1964 10
1954 250 GT dal 1954 al 1964 -
1956 410 Superamerica dal 1956 al 1959 -
1957 250 GT California dal 1957 al 1963 106
1959 250 GT Cabriolet dal 1957 al 1962 240
1960 400 Superamerica dal 1960 al 1964 46
1960 250 GT 2+2 dal 1960 al 1963 957
1962 250 GTO dal 1962 al 1964 39
1962 250 GTL dal 1962 al 1964 350
1964 275 GTB/GTS dal 1964 al 1968 780 circa
1964 330 GT 2+2 dal 1964 al 1967 1099
1964 500 Superfast dal 1964 al 1966 36
1966 275 GTB/4 GTS/4 dal 1964 al 1968 780
1966 330 GTC/GTS dal 1966 al 1968 698
1966 365 P Speciale dal 1966 al 1967 02
1966 365 California dal 1966 al 1967 14
1967 365 GT 2+2 dal 1968 al 1970 800
1967 Dino 206 GT dal 1968 al 1969 152
1968 365 GTC/GTS dal 1968 al 1970 188
1968 365 GTB/4 GTS/4 dal 1968 al 1974 1486
1969 Dino 246 GT/GTS dal 1969 al 1973 3761
1971 365 GT4 2+2 dal 1972 al 1976 524
1973 Dino 308 GT4 dal 1973 al 1980 2826
1975 Dino 208 GT4 dal 1973 al 1980 840
1975 308 GTB/GTS dal 1975 al 1985 oltre 12.000
1976 400 Automatic dal 1972 al 1989 2637
1976 400 GT dal 1976 al 1979 502
1976 512 BB dal 1976 al 1981 929
1979 400i 400i/GT dal 1979 al 1985 1308
1980 208 GTB dal 1980 al 1986 160
1980 208 GTS dal 1980 al 1986 140
1980 308 GTBi/GTSi dal 1975 al 1985 oltre 12.000
1980 Mondial 8 dal 1980 al 1993 3244
1981 512 BBi dal 1981 al 1984 1007
1982 208 GTB Turbo dal 1980 al 1986 437
1982 208 GTS Turbo dal 1980 al 1986 250
1982 308 GTB/GTS Quattrovalvole dal 1975 al 1985 oltre 12.000
1982 Mondial Quattrovalvole dal 1980 al 1993 3244
1983 Mondial QV Cabriolet dal 1983 al 1993 -
1984  GTO dal 1984 al 1985 272
1984 Testarossa dal 1984 al 1996 circa 10.000
1985 328 GTB/GTS dal 1985 al 1989 7400
1985 412 GT dal 1985 al 1989 303
1985 Mondial 3.2 GTB/GTS dal 1985 al 1993 -
1987 F40 dal 1987 al 1992 1337
1989 348 TB/TS dal 1989 al 1994 8844
1989 Mondial T dal 1989 al 1993 -
1991 512 TR dal 1984 al 1996 circa 10.000
1992 456 GT/GTA dal 1992 al 2003 -
1993 348 GTB/GTS dal 1989 al 1994 8844
1994 F355 Berlinetta dal 1994 al 1999 11373
1994 F355 GTS/Spider dal 1995 al 1999 -
1994 F512 M dal 1984 al 1996 circa 10000
1995 F50 dal 1995 al 1997 349
1995 F355 Spider dal 1995 al 2000 -
1996 550 Maranello dal 1996 al 2002 -
1998 456 GT/456M GTA dal 1992 al 2003 -
1999 360 Modena dal 1999 al 2004 16244
2000 360 Spider dal 2000 al 2004 -
2001 550 Barchetta dal 1996 al 2002 -
2002 575M Maranello dal 2002 al 2006 -
2002 Enzo dal 2002 al 2004 400
2003 360 Challenge Stradale dal 2003 al 2004 1274
2004 612 Scaglietti dal 2004 al 2011 -
2004 F430/F430 Spider dal 2004 al 2009 -
2005 575 Superamerica dal 2002 al 2006 -
2007 599 GTB Fiorano dal 2007 al 2012 -
2007 612 Scaglietti "Sessanta" dal 2007 al 2011 60
2008 F430 Scuderia dal 2007 al 2009 1200
2008 California dal 2008 -
2008 Scuderia Spider 16M dal 2008 al 2009 499
2009 458 Italia dal 2009 -
2010 599 GTO dal 2007 al 2012 -
2010 SA Aperta dal 2010 al 2012 80
2011 FF dal 2011 -
2011 599 GTB Fiorano HGTE dal 2007 al 2012 -
2011 458 Spider dal 2011 -
2012 F12 Berlinetta dal 2012 -
2012 458 20th Special Edition dal 2012 20
2013 La Ferrari dal 2013 -
2013 458 Speciale dal 2013 -
2014 California T dal 2014 -
2014 458 Speciale A dal 2014 499

 

Le testimonianze video.

Intervista ad Enzo Ferrari

Le 10 Ferrari più costose

Ferrari a Maranello

Il Ricordo...

Sono trascorsi 30 anni dalla scomparsa di Enzo Ferrari, il modenese più conosciuto al mondo insieme a Luciano Pavarotti. Era il 14 agosto del 1988 quando la Ferrari rimase orfana del suo padre fondatore. Una data indelebile nella memoria dei tifosi della Rossa e in generale per tutto il nostro territorio, che dovette dire addio al Drake. Enzo Ferrari è stato un uomo che con il duro lavoro e una passione irrefrenabile è riuscito a creare un mito immortale, simbolo di velocità, sport, e naturalmente del made in Italy. Oggi nel giorno dell’anniversario della sua morte è stato omaggiato dal Comune di Modena con una deposizione di fiori sulla sua tomba, al cimitero di San Cataldo.