Ferrari F50

La Ferrari F50 è una spider con tetto rigido asportabile costruita in serie limitata di soli 349 esemplari tra il 1995 ed il 1997 per celebrare il 50º anniversario di fondazione (da cui deriva anche il nome 50) della casa automobilistica italiana Ferrari. La F50 nacque da una idea di Piero Ferrari che da tempo intendeva realizzare una sorta di "Formula 1 stradale". Il motore è un 12 cilindri a V stretto derivato dal propulsore che equipaggiava la Ferrari 640 F1 di Mansell nella stagione 1989. In questa configurazione con cilindrata maggiorata a 4,7 litri, il motore era già stato installato l'anno prima sulla Ferrari 333SP per il campionato IMSA. Per la prima volta in una Ferrari stradale, il telaio è totalmente realizzato, come nelle F1, in materiali compositi di carbonio e vincolato al gruppo motore-cambio tramite un telaio ausiliario, allo scopo di ottenere un'elevatissima rigidità strutturale pur mantenendo un peso molto contenuto di 102 kg della cellula fondamentale. La carrozzeria, di linea particolarmente accattivante sia in versione spider che con il tetto montato, è stata realizzata dalla Pininfarina ad opera di Pietro Camardella ed ha richiesto oltre 2.000 ore di lavoro in galleria del vento per riuscire a raggiungere i previsti valori di deportanza sugli assali alle alte velocità. L'impianto frenante, appositamente progettato dalla Brembo è volutamente sprovvisto di ABS. Il numero degli esemplari è stato deciso da uno studio marketing da cui risultò una previsione di 350 possibili clienti, nel mondo, disposti ad acquistare una simile vettura. Il numero venne poi ridotto a 349, in ossequio agli insegnamenti di Enzo Ferrari che sosteneva essere, il numero perfetto di produzione, pari ad un esemplare in meno del totale richiesto dal mercato. La vettura venne messa in vendita al prezzo di 852.800.000 lire ed i 349 esemplari furono venduti in brevissimo tempo, molto prima della loro costruzione. Al fine di evitare i fenomeni speculativi precedentemente avvenuti in occasione di altre vetture di serie speciale, come la F40, la Ferrari limitò le prenotazioni ad un solo esemplare per ogni cliente (concessionari compresi) ed impose il divieto di vendere la vettura prima che fossero trascorsi due anni dalla consegna. Le previsioni marketing si rivelarono fortemente errate in difetto e la decisione della Ferrari di mantenere comunque inalterato in numero di produzione, causò una serrata lotta all'accaparramento da parte di facoltosi utenti e collezionisti, anche costellata di episodi penalmente rilevanti. Molti sono stati i casi di "F50" trafugate da autorimesse superprotette che gli esperti ritengono essere furti su commissione. Non sarebbe infatti possibile, data l'esiguità degli esemplari, reimmettere impunemente la vettura sul mercato. Il furto più eclatante è stato commesso, nel 2003, ai danni della concessionaria Ferrari di Filadelfia, dove un sedicente cliente si è presentato con tanto di autista e guardie del corpo, dileguandosi poi a bordo della "F50" sulla quale era salito per ascoltare il rombo del motore. Il primo esemplare-clienti della F50 venne consegnato al pugile americano Mike Tyson. Un altro fu venduto a Diego Armando Maradona. L'ultimo esemplare è uscito dalla fabbrica nel luglio del 1997.

Prodotta dal 1995 al 1997.

Ferrari F50 (1997)

Ferrari F50 (1996)

Ferrari F50 (1995)

Ferrari F50 (1997)

Ferrari F50 (1996)

MOTORE
Cilindrata  4698 cc
Cilindri e disposizione  12 cilindri a V
Cambio  6 marce
Trazione  posteriore con autobloccante
Potenza Massima  520 cv a 8.500 giri/min
Coppia Massima  471 N/m
  
PRESTAZIONI 
Velocità Massima  325 km/h
Accelerazione da 0 a 100 km/h  3,8 secondi
 
DIMENSIONI E PESO
Lunghezza  4480 mm
Larghezza  1990 mm
Altezza  1120 mm
Passo  2580 mm
Peso a vuoto  1300 kg
 
PNEUMATICI
Anteriori  245/45 ZR 18
Posteriori  335/30 ZR 18

 

Curiosità

La Ferrari F50 che nel 1995 vide la luce per celebrare i 50anni del marchio del Cavallino, fu prodotta in soli 349 esemplari. Il numero limitato di esemplari già fa di lei una bestia rara, ma il valore si impenna in base alla rarità del colore che trovate in questo schema degli esemplari prodotti: Rosso Corsa - 302, Rosso Barchetta - 08, Giallo Modena - 31, Argento Nürburgring - 04 e Nero Daytona - 04. Quindi ora non vi sorprenderete più se la cifra (oltre 3 milioni di dollari) alla quale sono disposti ad arrivare alcuni facoltosi amanti sia ben più alta della media quando l'esemplare in vendita è dipinto in Nero Daytona. Come se non bastasse, la F50 in vendita (n° di telaio ZFFTG46………..) è una delle 2 (su 4 totali) che è arrivata negli USA, mentre l'altra ha avuto un incidente da poco, anche se già è stata riparata.

In vendita all’asta una Ferrari F50 che apparteneva a Mike Tyson

Delle 349 Ferrari F50 costruite tra il 1995 e il 1997 solo 50 sono state vendute negli Stati Uniti. Una di queste andrà a marzo all’asta all’evento di Amelia Island, in Florida, organizzato dalla casa d’aste inglese Sotheby’s. Il modello è speciale non solo per la sua rarità, ma anche perché si tratta di uno dei veicoli esclusivi appartenuti al campione mondiale di boxe Myke Tyson. Il contachilometri racconta di un’auto ancora nuova: segna appena 5.694 miglia, circa 9.160 chilometri. E lo stesso catalogo di Sotheby’s parla di “condizioni immacolate”, verificabili del resto dalle immagini che ha pubblicato. La F50 di Mike Tyson è fornita anche di un certificato ufficiale Ferrari Classiche che ne garantisce l’autenticità. Il prezzo base è stimato intorno ai 2,3 milioni di dollari (circa 2,1 milioni di euro al cambio attuale).

La Ferrari F50 incidentata? E' sta venduta all'asta per 330.000 euro

Un appassionato tedesco ha sborsato l’equivalente di 330.000 euro per aggiudicarsi una Ferrari F50 gravemente danneggiata, la cui base d’asta era inizialmente fissata a soli 103.000 dollari (76.000 euro). Vi ricorderete sicuramente la vicenda. Il proprietario andò a sbattere contro un albero e segnò di fatto la sua ‘condanna’, in quanto sprovvisto dei capitali necessari per completare la lunga e costosissima riparazione. La compagnia assicurativa non badò al valore collezionistico dell’automobile e la mise all’incanto, stabilendo quale base i già citati 103.000 dollari. La vettura ha ovviamente suscitato l’attenzione di numerosi collezionisti. Sono tuttavia rimasti in lizza il tedesco (poi vincitore) ed un appassionato texano, che hanno rilanciato fino a quadruplicare il prezzo iniziale: la F50 è stata dunque venduta per 446.000 dollari. I responsabili della compagnia assicurativa potranno ritenersi soddisfatti. Certo è che il valore della sportiva è nettamente superiore, dal momento che un esemplare da vetrina è stato venduto nell’agosto 2013 per una cifra equivalente al nostro milione e 250mila euro.