PORSCHE CABRIO

Nel 1983 le versioni coupé e targa vennero affiancate dalla 3.0 SC Cabriolet, la prima 911 con tetto in tela ad apertura totale. La 911 Carrera 3.2 venne prodotta in versione coupé, targa e cabriolet in circa 85.000 esemplari fino al 1989. Sempre nel 1989 venne realizzata una piccola serie la 911 Speedster (opzione M503), una versione a tetto ribassato della Cabriolet che era evocativa della 356 Speedster degli anni '50. Ne furono prodotte in numero limitato, 2.065 esemplari, più 63 con guida a destra, nel periodo a partire dal gennaio 1989 fino a luglio 1989 una cabriolet alleggerita con parabrezza più piccolo, calotta aerodinamica in plastica al posto dei sedili posteriori e allargata "Turbo Look", la meccanica derivata dalla consolidata Carrera 3.2.

Prima”, “Ultima”, “Unica” e “Originale”

Non una 911, bensì una…901 e per di più una cabriolet. Si tratta di uno dei 13 esemplari di pre-serie, l'unico cabriolet, che rimase poi inattuato ma diede lo spunto alla serie 911 Targa. L'esemplare del 1964, ha il numero di telaio 13360 e rappresenta un importante pezzo di storia dell'automobile. 

Anche perchè questo telaio è il secondo più antico sopravissuto ed a quanto pare uno dei due soli rimasti tra i 13 menzionati. Dalla casa madre fu spedito alla Karmann per essere trasformato in cabriolet e poi riportato a Stoccarda per un programma di test. In Porsche infatti la versione Cabriolet della 901 non fu considerata, ma si tentò comunque di esplorarne la fattibilità.

Vari problemi convinsero i vertici di Zuffenhausen (dato il poco tempo a disposizione) di mettere da parte questa versione completamente apribile per dedicarsi ad una con un ampio roll-bar ed il tetto asportabile rigido denominata "Targa" e presentata nel 1967. Mentre il telaio 13360 fu coperto e riposto. Nel 1967, il prototipo della Cabriolet fu venduto al noto pilota, nonchè collezionista, Manfred Freisinger,

che lo custodì per decenni prima di cederlo al collezionista Americano Myron Vernis, ben noto per la passione di pezzi unici. Infine Vernis la rivendette ad un appassionato Britannico, che mantenne la 901 nelle sue condizioni originali compresa la meccanica basata sul 6 cilindri boxer da 2 litri e 130 CV con carburatori Solex. Un "Pezzo" vede riportare ai giorni della nascita del progetto mitico Ferry Porsche la cui stima è tra gli 850 mila ed il milione di euro.

Porsche 911 Carrera 3.2 Cabrio (1985)

Porsche 911 Carrera 3.2 Cabrio (1987)

Porsche 911 Carrera 3.2 Cabrio Turbo Look (1987)

Porsche 911 Carrera 3.2 Cabrio Turbo Look (1989)

Porsche 911 Speedster 3.2 (1989)

Porsche 911 Speedster 3.2 (1989)

Porsche 911 Speedster 3.2 Hard Top (1989)

Scheda Tecnica

MOTORE
Cilindrata  3164 cc 12 valvole
Cilindri e disposizione  6 cilindri boxer
Cambio  5 rapporti
Trazione  posteriore + autobloccante
Potenza Massima  231 a 5900 giri/min.
Coppia Massima  285 Nm a 4800 giri/min.
  
PRESTAZIONI 
Velocità Massima  246 km/h
Accelerazione da 0 a 100 km/h  6.2 secondi
 
DIMENSIONI E PESO
Lunghezza  2272 mm
Larghezza  1652 mm
Altezza  1320 mm
Passo  2272 mm
Peso a vuoto  1160 kg
 
PNEUMATICI
Anteriori  205/55/16
Posteriori  225/55/16

 

booked.net